Mappa del sito Scrivi a rss feed Segnala su Facebook



 Anagrafe - Archivio News - La Spezia, scoprire i santi attraverso l'arte 
La Spezia, scoprire i santi attraverso l'arte   versione testuale
Per tutto il mese di novembre il museo diocesano dedica ai santi un percorso espositivo, visitabile dal giovedì alla domenica.









Per tutto il mese di novembre il museo diocesano di La Spezia dedica ai santi un apposito percorso espositivo, che sarà visitabile dal giovedì alla domenica, dalle 10 alle 12.30 e dalle 16 alle 19 (tranne il giovedì). 

«Ogni uomo che viene in questo mondo - si legge nella brochure - porta con sé il progetto che Dio da sempre ha posto in lui e la santità consiste nel realizzare nella nostra vita, con Dio, il suo progetto. La santità non è un merito acquisito, ma è un dono personale di Dio per la comunità. I santi che la Chiesa ci presenta nella sua storia sono persone che in modo esemplare, con l'aiuto di Dio, hanno esercitato la loro missione per il bene materiale e spirituale di tutti gli uomini. Il santo - si legge ancora nella presentazione dell'evento - si riconosce dalla sua unione a Dio, dal servizio alla comunità e dalla sua intercessione per il bene spirituale delle anime. Il genere letterario che narra le vite dei santi è l'agiografia, letteralmente "scrittura dei santi", nel Martyrologium romanum troviamo l'elenco di tutti i santi della nostra Chiesa con le notizie della loro morte ed i racconti del loro martirio tratte dagli Acta, dalle Passiones, e dalle memorie della vita tramandate dalle comunità di appartenenza e dai processi tesi a canonizzare questi cristiani straordinari. Ai racconti di parole si sono poi affiancati i racconti per immagini, che non solo supplivano all'incapacità di lettura, ma erano anche capaci di commuovere e muovere ancora di più all'imitazione perché vedere spesso persuade più di un discorso. Nelle immagini che rappresentano le vite esemplari dei santi, ciascuno singolarmente o intere categorie di persone potevano e possono trovare modelli di vita, intercessori, patroni e protettori. Le vite dei santi dunque, sia narrate con parole, sia dipinte o scolpite, vogliono edificare il lettore, e per far ciò tendono a suscitare uno stupore che si tramuta in ammirazione, immedesimazione e desiderio di imitazione. Si Utilizzano linguaggi narrativi che fanno ampio uso di metafore che vengono dal grande patrimonio universale del linguaggio simbolico che, attingendo ad elementi profondi e costitutivi della stessa struttura del pensare umano, è comprensibile da tutti perché da tutti da sempre condiviso: il cielo è alto, la divinità sta in alto, la luce dà vita, il fuoco purifica e rinnova, l'acqua è culla primordiale della vita, eccetera. L'uso di simboli nella vita dei santi è facilitato dal fatto che nelle loro vite molti episodi storici hanno valore di metafora paradigmatica e le loro vite sono in se stesse metafore arricchite di simboli che in immagini si palesano in atteggiamenti, colori, vesti, sfondi o attributi particolari portati come i sovrani portano le insegne della loro regalità, oppure offerti a loro da angeli o appoggiate ai loro piedi. Si hanno dunque segni propri di tutti i santi come le palme che ricordano il martirio o corone e ghirlande che rimandano alle battaglie combattute in vita conseguendo vittorie simili a quelle degli atleti e poi segni particolari per ciascun santo e quindi troviamo Lucia che regge un piattino con gli occhi, la spada di San Paolo che fu decapitato, le chiavi di san Pietro o la croce rovesciata, le frecce che hanno colpito San Sebastiano o la torre in cui fu rinchiusa santa Barbara… Con la mostra dedicata ai santi il Museo Diocesano della Spezia vuole porre l'attenzione su queste importanti figure per fare conoscere le loro vite eccezionali e offrire ai visitatori una chiave di lettura per comprenderle ed inserirle nel contesto locale nella loro storia personale ed in quella universale». 

Servizio a cura dell’Ufficio Nazionale per i beni culturali ecclesiastici della Conferenza Episcopale Italiana - Copyright © 2011 Ufficio Nazionale Beni Culturali Ecclesiastici - CEI / Credits