versione accessibile | mappa
Torna alla home
Cerca
 Home - Archivio News - Emigrare in tempo di crisi: necessità, opportunità. Più diritti, più tutele 
Emigrare in tempo di crisi: necessità, opportunità. Più diritti, più tutele   versione testuale
Roma, 10 novembre 2017 - Convegno FAIM
(13 novembre 2017) -  Il 10 novembre 2017, presso il Senato, Sala Zuccari – Palazzo Giustiniani, si e tenuto il Convegno delle Associazioni Italiane nel Mondo (FAIM) sul tema: "Emigrare in tempo di crisi: necessità, opportunità. Più diritti, più tutele", presieduto dal Portavoce pro tempore FAIM, Rino Giuliani.Tra i relatori: il Sen. Claudio Micheloni, Presidente del Comitato per le Questioni degli Italiani all'Estero del Senato, l'On. Franco Narducci del Comitato di Coordinamento FAIM, il prof. Enrico Pugliese del Comitato scientifico FAIM, Luigi Scaglione del Coordinamento delle Consulte Regionali dell'Emigrazione,  la dott.ssa Delfina Licata della Migrantes, la dott.ssa Tatiana Esposito, Direttore generale del Ministero delLavoro e Politiche Sociali, il Min.Plenipot. dott. Maria Luigi Vignali, Direttore generale per gli Italiani all'Estero e le politiche migratorie del MAECI.
Nel contesto della attuale crisi sistemica, economica, sociale e ecologica, il Forum si impegna nella tutela  delle persone in mobilità per la salvaguardia dei loro diritti e, allo stesso tempo, sostiene azioni di cooperazione mirate alla riduzione degli squilibri economici tra aree e paesi, nella logica della interdipendenza, della cooperazione e della solidarietà.
Il Forum agisce sul piano operativo con azioni volte ad analizzare e monitorare la consistenza, le problematiche, l’evoluzione e i cambiamenti avvenuti negli ultimi anni nel movimento associativo degli italiani all’estero e nelle collettività emigrate; a sviluppare una progettualità in grado di dare risposte ai fabbisogni dell’emigrazione consolidata e della nuova emigrazione, nell’ ambito  dell’  informazione  e  comunicazione,  dell’  assistenza  e  del -l’orientamento, della formazione linguistica, della formazione e qualificazione professionale, della cooperazione e dei processi di internazionalizzazione, dell’integrazione interculturale, della creazione di lavoro e di impresa, in specie cooperativistica, della difesa e valorizzazione ambientale e territoriale. In questo senso il Forum partecipa attivamente e si rapporta a più ampi momenti di rappresentanza sociale con cui condivida principi e finalità, anche costruendo partenariati e collaborazioni con altri enti pubblici e privati, italiani ed esteri, che consentano il rafforzamento e la qualificazione  della propria base sociale e il ruolo attivo delle comunità emigrate.