Chiesa Cattolica Italiana - News e Mediacenter - News - 2011 - Settembre - Con le Linee-guida
della Congregazione 
Condividi su
Facebook Twitter Technorati Delicious Yahoo Bookmark Google Bookmark Microsoft Live Ok Notizie
Mercoledý 28 Settembre 2011
I lavori del Consiglio permanente
Con le Linee-guida
della Congregazione   versione testuale

I lavori del Consiglio Episcopale Permanente, facendo seguito alle indicazioni della Santa Sede date a tutte le Conferenze Episcopali del mondo, mercoledì 28 settembre hanno affrontato l’esame della bozza che mira a esplicare, in rapporto alla realtà italiana, le Linee-guida della Congregazione della Dottrina della Fede circa gli abusi sessuali su minori compiuti da chierici. Le convinzioni più condivise rimandano alla necessità di un sempre più rigoroso percorso formativo per i futuri preti, l’ascolto delle vittime, l’accompagnamento dei sacerdoti coinvolti, ferme restando le conseguenze penali.
Ci si è poi concentrati sul tema degli Orientamenti pastorali rispetto ai quali, dopo la pubblicazione, si attendeva di declinare i prossimi 4 anni nelle sue articolazioni di fondo. I Vescovi hanno rimarcato che, per prendere sul serio l’attuale stagione culturale, si richiede anzitutto di cambiare prospettiva, cioè di superare la prevalente impostazione puerocentrica della pastorale. La stessa iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi non può prescindere dal mondo della famiglia, della scuola, della comunità ecclesiale. In una parola: non può fare a meno di chiamare in causa adulti responsabili e coinvolti. Entrando nel merito, e in vista del Convegno di metà decennio, le tappe individuate sono state: la formazione degli adulti e della famiglia (2012), gli educatori (2013), i destinatari (2014), gli itinerari e gli strumenti dell’iniziazione cristiana (2015). E’ stato infine approvato un contributo sui Lineamenta del prossimo Sinodo dei Vescovi. A tale proposito, l’obiettivo è quello di ritrovare la motivazione della nuova evangelizzazione e del primo annuncio, in un contesto come l’attuale in cui spesso taluni fraintendimenti e pregiudizi rischiano di deturpare l’originaria bellezza della fede cristiana.